Venerdì, 10 Luglio 2015 13:52

Tornado, ricorrenza storica e problemi ancora attuali!

Scritto da
Vota questo articolo
(3 Voti)


E' passata da pochi giorni (3 luglio1995) la ricorrenza dei 20 anni da uno dei tornado più intensi che la provincia bresciana ha avuto, e puntualmente ogni anno ci troviamo a parlare delle stesse cose.

 

 

Venti anni fà i comuni di Palazzolo Sull'Oglio, Cividino e Capriolo furono interessati da un evento tornadico rilevante(foto in copertina fonte tornadoit). In quella occasione solo la fortuna evitò una catastrofe infatti il sistema si formò appena poco dopo l'orario di lavoro e interessò prevalentemente nel suo cammino, la valle dell'Oglio fra questi comuni,zone interessate da campi e un tratto di zona industriale fra Palazzolo Sull'Oglio e Capriolo.
Le zone con danni non avevano quasi più operai all'interno e la traiettoria di qualche km del tornado interessò zone non densamente popolate. Avrebbe potuto andare ben peggio infatti nulla ci vieta di pensare e ipotizzare che la traiettoria fosse differente.

A distanza di 20 anni l'evento della provincia di Venezia di Ieri, particolarmente violento, ci riporta alla memoria eventi del passato ma ci fà anche pensare che al momento non esiste una cultura di prevenzione meteorologica efficiente.

tornado venecia


Vero che non abbiamo sul nostro territorio una frequenza elevata di questi fenomeni ma è anche vero che abbiamo un territorio che spesso viene messo sotto pressione da eventi estremi. e gli eventi estremi in Italia stanno cominciando a diventare sempre più frequenti.
Non è tanto l'aumento dei tornado in Italia, che non è certificato e verificabile col passato, ma l'aumento di eventi estremi ed esplosivi che ci impone un cambio di marcia a livello di prevenzione.
Cosa e mancato nel caso di Dolo per evitare morti e feriti?
Innanzi tutto manca una prevenzione in tempo reale e manca la strumentazione per averla. I radar a disposizione non sono purtroppo in tempo reale e sono disponibili con minuti di ritardo(circa mezz'ora). Troppo per dare una prevenzione efficiente.
Manca un'organizazione comunale per diramare allerte. Forse erano più organizzati molti anni fà quando si suonavano le campane per preannunciare l'arrivo della possibile grandine???
Manca una cultura generale su cosa si deve fare e non fare. Al di là della pratica dei cacciatori di tornado, che comunque si spostano spesso con prudenza e non vanno mai nelle immediate vicinanze di un possibile tornado, uno deve sapere che ci sono delle cose basilari da eseguire e da non eseguire. Cercare ad esempio di passare con auto lateralmente ad un tornado sperando di "sorpassarlo" può condurre anche alla morte, come del resto avvicinarsi molto, rischiando di essere colpiti dai detriti scagliati dall'imbuto.
Anche guardare da un normale vetro un evento del genere può portare a problemi grossi nel caso si rompa il vetro o per i detriti, o per il forte vento o per lo sbalzo pressorio nel caso si venga direttamente interessati dal vortice.
L'unica cosa da fare è andare nei piani bassi di una abitazione, meglio se sotto terra oppure di stare lontani da porte e finestre. Se possibile di allontanarsi dal posto anche se le traiettorie dei tornado spesso non sono perfettamente lineari.
In un sistema cosi esplosivo è basilare avere una prevenzione efficiente in tempo reale, cose che purtroppo ora non c'è.
Speriamo che gli enti preposti e i comuni inizino anche a discutere su eventi del genere. Oramai gli eventi esplosivi, soprattutto alluvionali, sono un crescita e diramati su tutto il territorio ed è un problema che non si può più sottovalutare.

Letto 2052 volte Ultima modifica il Venerdì, 10 Luglio 2015 13:58

Archivio Articoli

  • Downburst del 7 agosto 2019 >

    Read More
  • Nevicata del 10 dicembre 2017 in provincia di Brescia >

    Ecco la nevicata in formato compresso avvenuta nella giornata di Read More
  • Aprile (2016) non ti scoprire??? >

    Il famoso detto riguardo al mese di Aprile per ora Read More
  • Temporale assurdo a Palazzolo sull'Oglio e dintorni >

    Si temeva una giornata turbolenta ma forse in alcune zone, Read More
  • Un luglio 2015 da record >

    Finito luglio tiriamo un po di somme. possiamo dichiarare che Read More
  • 1

Chi c'è on line

Abbiamo 93 visitatori e nessun utente online