Venerdì, 30 Gennaio 2015 23:57

Precipitazioni scarse e poca neve nel bresciano

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)

Resoconto odierno delle precipitazioni date dalla perturbazione transitata fra la notte e il mattino e degli eventi più significativi

 

 

Come preannunciato la perturbazione attesa è transitata fra la sera di giovedì e la notte a seguire. Gli effetti sono stati piuttosto scarni e forse inferiori alle attese peraltro non esaltanti.

La media delle precipitazioni di Venerdì 30 gennaio mostra accumuli compresi fra i 2 e i 4mm circa.

La neve è caduta più copiosa nella notte soprattutto nelle zone interessate dalle precipitazioni più intense. Gli accumuli sono stati sicuramente maggiori sull'ovest provincia. La città si è svegliata solo con un velo bianco sui tetti e sui prati presto svanito all'alba.

Su ovest provincia i prati invece sono rimasti bianchi per parte della mattinata.

La perturbazione non è riuscita ad incidere più di tanto soprattutto per via dell'ingresso verso l'alba di correnti da ovest alle basse quote che hanno inibito la convezione. Le possibilità presenti nella mattinata causate dal transito del ramo freddo in quota non sono bastate per attivare una seconda fase precipitativa che avrebbe dovuto interessarci all'inizio della mattina. Infatti il cambio di correnti ai "piani più bassi" ha in pratica azzerato il potenziale convettivo fino ai 3000 metri lasciando poco spazio al fronte freddo in quota di esprimersi. Una dinamica questa abbastanza comune in inverno peraltro eseguita nell'orario meno propizio ossia all'alba e non nel pomeriggio. Discorso diverso fosse stata primavera o estate dove capita a volte che comunque il ramo freddo in quota nelle medesime situazioni riesce ad incidere con un secondo fronte (quello potenzialmente atteso in mattinata) magari non attivissimo ma in grado di portare ulteriori precipitazioni dalle prealpi fino alle pianure. I modelli non sono stati in grado di uniformarsi con una previsione comune proprio per la complessità del fenomeno determinato anche dalla tempistica delle varie fasi.

In ogni caso il modello seguito a poche ore dall'evento ha dato una performance accettabile rispetto alle attese.

La giornata è stata anche caratterizzata da altri 2 fattori, ossia la pressione al suolo molto bassa con valori minimi raggiunti fra i 977 e i 971 hPa, valori estremamente bassi e da raffiche di vento a seguito del fronte, in alcuni casi molto forti. Segnaliamo i 105km orari raggiunti poco prima delle ore 17 dalla stazione del Lago della Vacca a 2365 metri di altitudine. Segnaliamo comunque altre raffiche importanti sopra i 50 km orari in alcune stazioni.

Letto 2317 volte Ultima modifica il Sabato, 31 Gennaio 2015 09:50

Archivio Articoli

  • Downburst del 7 agosto 2019 >

    Read More
  • Nevicata del 10 dicembre 2017 in provincia di Brescia >

    Ecco la nevicata in formato compresso avvenuta nella giornata di Read More
  • Aprile (2016) non ti scoprire??? >

    Il famoso detto riguardo al mese di Aprile per ora Read More
  • Temporale assurdo a Palazzolo sull'Oglio e dintorni >

    Si temeva una giornata turbolenta ma forse in alcune zone, Read More
  • Un luglio 2015 da record >

    Finito luglio tiriamo un po di somme. possiamo dichiarare che Read More
  • 1

Chi c'è on line

Abbiamo 76 visitatori e nessun utente online